A f t
A, Lettera vocale e prima dell'alfabeto, sust.    IN LETERA E IN ABACO V. LETERA.              o rinunzia abdicativa, valgono lasciare o
  masc.  Un A grande , un A piccolo  XBINDON,t, add. V. SBANDONi.                            rinunziare, e intendesi propriamente d' un 
  Pia comunemente a di genera fem. e allora       ABANDONA DAI MlgDEGHI, V. SPEDiO.            comando o carica suprema: per esempio, 
    si sottintende Lettera.                     ABANDONAR, v. V. SBasnoNAR.                    gran Consiglio Bella Repubblica Veneta 
    DA L'A FIN AL ZETA, OVV. DA L' A AL RE-       ABANDONiRSE , Abbiosciarsi ; Abbando-        abdice governo nel glom) 42 Maggio 
  VOLTELOBUS Maniera fam. e fig. Dail' a        narsi; Sbigottirsi, Mancar d' animo.           1797. V. RENONZIAR.
fino al zeta ,. Dall'alfa all' omega; Dal-      ABASS.tMENTO, s. in. Basamento, par-           ABEC (coll'e chiusa) s. m. Abbicci, o Al- 
  l'uovo alle frutta ; Da lino a sommo : e      lando di pitture o di vesti donnesche, chia-   fabeto  Abbecedario, dicesi ad una serie 
  valgono, Dal principio al fine.               masi Quell'ornamento che termina da piede.     di voci disposte con online alfabetico. V. 
    A, Preposizione, A o Ad.                    AB tSSAR, v. V. SBASSIR.                       RbBRICA.
    A.? con inflessione interrogativa , corri-  ABATE, s. m Abate od Abbate.                     No SAVII. L'ABECE, Non saper l' abbicci, 
  sponde alla risposta , Che ? Che cosa ? Che     SIOR ABATE CANOLA, detto per ischerzo ,      vale esser ignorantissimo , non saper i prin-
  cosa vuoi ? Che volete ? Ovv. E cosi ? Che    vale Abatuzzo, piccolo Abate; Chiericuz,zo;    cipii; Esser piii grosso the l'acqua de'mac- 
  cos' hai to de/1o?                            o anche Abataccio, in segno di disprezzo.      cheroni.
    A, pronunziato con un po' di forza e con      ABATE DEL CAMPO, chiamasi qui comune-        A BEL BELE ' T
  alzamento di spalle, vale per Alto disprez-   mente quel Piedestallo o Colonnetta di pie-    A BEL BEL011odi avv. v. BELBELO.
  zativo o d' impazienza, e corrisponde al-     tra viva, ch'e piantata stabilmente ne' campi  ABENCHf-a', avv. V. SIBEN.
  1'italiano Eh, Interiezione detta da'Francesi o piazzuole delle nostre Chiese, su cui s'in-  ABENZE (colla z aspra) s. f. (dal lat. Ha- 
  Tarare , con cui si mostra beffarsi di 66     nalzanobandiere o vessilli religiosi in alcune bentia ) Adiacenze Appendici.  CASA. 
  the altri dice, o non prestarvi credenza. Va- feste solenni  XE GIAllA L'ABATE DEL CAM-     CO TUTE LE SO ABENZE E PERTINENZE, Casa 
  le ancora per No.                             Po, Locuz. fam. di gergo , e vale Fa gran      con tutte le sue adiacenze, cioe con tutti i 
  k-Osa, finalinente      grido o specie di     freddo.                                        luoghi che ne dipendono.
  comando, detto COMANDAIZZA, usato da' no-       SlOR ABATE LA BATE IN POLO, Maniera has-     ABERNONZIO o, meglio, ABRENONZIO. 
  stri Barcaiuoli e dai Pescatori nel girare    sa e scherzevole, che vale Poco manta al       Maniera avverbiale antica e scherzevole , 
  per qualche rivo della Citth, per avvertire   termine d' una cosa qualsiasi. Potrebbe        usata dal nostro Andrea Calmo , che italia- 
  la barca the sta per incontrarsi ad una       dirsi anche italianannente La batte.in poco,   namente scrivesi Abrenuntio colla forma La- 
  cantonata di fabbrica, onde possa all' uopo   cioe Consiste in poco, trattasi di poco,       tina, in significato di In abbandono, alla 
  volgersi a destra o a sinistra. V. PREMER e   espressione dinotante 1' altrui miseria.       peggio.
  STALiR.                                           Aggiungesi talvolta alla detta frase: E      VOLEVA (gli Doi) LASSAR ANDAR, dice Cal-
AB t. Voce fanciullesca, che significa Bacio.   le donne lasciatele star, scherzo indiriz-     mo, OGNI COSSA ABRENONZIO , SI NO GERI
ABACO, s. m. Abaco, Nome volgare dell' a-       zato a qualche pretuccio, che dimostra d'aver  vu, doe.: Voleano lasciar andare ogni co-
  ritmetica.                                    tendenza a praticare cone femmine.             sa in abbandono o alla peggio, se non era-
    Ancora, Piccolo libricciuolo dal quale si ABATIN, s. m. Abatuzzo, PiccoloAbate.            vote voi, cioe Non ne volcano sapere.
  impara a rilevar la somma de' Humeri nel- ABATON, s. m. Abatone, Abate grande.               ABESENZIO, s. m. Usato dagl' idioti per
  1' aritmetica.                                A B t,TUA , modo avv. A battuta, e vale A.     ABSINZIO V.
    SAVER DE ABACO, Saper di ragione, Sa-       tempo di battuta. V. BATbA.                    A BEVELO, modo avv. A livello, Allo stes-
per di conto  Detto poi fig. Saper a ABATUO, add. Abbattuto, cioe Spossato, De-               so piano, e s' intende dell' acqua.
quanti di e S. Biagio o Saper dove it dia-      bilitato. Dibattuto, dicesi dello Spirito op- ABIANDO Voci antiq. dal verbo Avere, e
vol lien la coda, valgono Esser accorto         presso.                                        ABIENDO       valgono Avendo.
e scaltro.                                        TROVARSE 0 SENTIRSE ABATUO, Accasciare ABILITADAllA., s. f. Grande Ability e
    Diciamo anche ABACO per Libre/tine, cioe    o Accasciarsi, Aggravarsi delle membra o       attitudine, Grande ingegno.
per Quel libretto che insegna a conoscere le    indebolirsi per eta o per malattia.            ABINAR, v. (dal lat. Bini, Binae, etc. Vo-
figure dell'Abaco e le prime regole di esso.    ABDICAR, v. Abdicare o Fare abdicazione        ce per lo pia usata nel Foro criminale, ove


 

Link immagine in PDF